Bure: Il ritorno dei gufi

A proposito della rioccupazione del Bosco Lejuc nel luglio 2019

Sono passati due mesi da quando la notizia della rioccupazione della foresta è stata riportata dai media. Seguì immediatamente un’evacuazione violenta che durò due giorni. Questa azione sarebbe fallita? Noi non la pensiamo così! L’attenzione dei media è stata grande quanto la sua scomparsa è stata rapida, soprattutto perché non sono seguiti altri segni di vita sotto forma di dichiarazioni o azioni da parte di chi ha iniziato la rioccupazione. Ci dispiace molto che, dopo l’evento, non ci sia stata alcuna pubblicazione da parte delle-gli interessate-i. Riteniamo che questo sarebbe stato importante per consentire una discussione aperta su quanto accaduto e per trarre conclusioni sulle prospettive della lotta. Non crediamo sia necessario speculare sulle ragioni di questo silenzio; ha le sue ragioni. Tuttavia, come persone che vivono e combattono qui sulla « Zona » (1), vogliamo cogliere l’occasione per condividere alcune riflessioni personali sull’argomento con coloro che sono coinvolte-i in questa azione e con coloro che hanno investito in questa lotta. Un’analisi di ciò che è stato o non è stato fatto sul campo in quel momento non è possibile.

Quello che vogliamo dire prima di tutto è che questa breve (ri)esplosione di resistenza ci ha dato speranza! Da più di due anni viviamo qui sotto l’occupazione della polizia. La provocazione permanente e le molestie dello Stato sono la nostra vita quotidiana in questa regione, amministrata in modo mafioso. Le-gli compagne-i sono in carcere, in fuga o se ne sono andate. Vivendo in queste condizioni capiamo molto rapidamente che questa lotta non può essere vinta « militarmente ». Eppure può essere giusto e necessario scegliere l’attacco! Le dimissioni che si erano diffuse a Bure e nei villaggi circostanti dopo l’evacuazione del febbraio 2018 sono state interrotte per un breve periodo. E anche se non è stato possibile ottenere una vittoria sui vassalli nucleari, abbiamo superato la paura che per troppo tempo ha segnato la nostra vita quotidiana.

I gufi sono tornati! Almeno qui, su « Zone », il messaggio è arrivato nonostante le poche informazioni diffuse. Lo vediamo nel sorriso complice dei nostri vicini quando fuggiamo dalle pattuglie della gendarmeria nei villaggi. Ma anche nei loro sguardi giubilanti quando passano davanti alle loro case. Lo leggiamo nei visi sinistri dei sostenitori del progetto che sembravano abituati a una pacificazione mortale. Lo leggiamo anche nelle requisizioni singhiozzanti dei poliziotti durante le perquisizioni dei veicoli, che testimoniano che due mesi dopo non avevano digerito il cocktail molotov e il lancio di pietre. Non sappiamo se le persone direttamente coinvolte condividono il nostro ottimismo. Almeno, sembra difficile immaginare che la gente possa trovare l’energia per impegnarsi in questo tipo di confronto senza la speranza di un successo tangibile alla fine. Ci sembra ancora più importante dire alle persone che hanno ripreso la lotta per il Bosco Lejuc a luglio che non hanno fallito e che i fuochi che hanno acceso continuano a bruciare nei nostri cuori!

Da un punto di vista tecnico, la garanzia con cui è stata fatta questa rioccupazione è abbastanza ovvia: da quanto abbiamo sentito, si presume che i poliziotti siano stati colti di sorpresa. Non c’erano pattuglie rinforzate dentro e intorno alla foresta, né una squadra di scalatori (devono essere venuti da Parigi). 300 gendarmi sono permanentemente disponibili per custodire questa foresta di 200 ettari. Preferiscono invece passare il tempo a molestare le-gli abitante-i e a effettuare controlli abusivi. Probabilmente i comandanti hanno dovuto spiegare come una cinquantina di militante-i siano riuscite-i a entrare nella foresta senza farsi notare, costruire case sugli alberi, erigere barricate, e poi attaccare e cacciare via i poliziotti che sorvegliavano il bosco. Così hanno preferito usare il pretesto di un attacco dall’esterno che credono sia stato contenuto. Il semplice fatto che al momento della rivelazione dell’occupazione, 4 case sugli alberi erano già state costruite, dimostra che questa affermazione è propaganda a buon mercato e fuorviante. Anche se non sembravano aspettarsi il momento e l’intensità dell’attacco, questo non significa che fossero impreparati! Abbiamo l’impressione che, al momento della pubblicazione del comunicato dell’occupazione, avessero già pianificato uno scenario di intervento e si siano messi a disposizione in qualsiasi momento grazie alla presenza permanente della gendarmeria. Sembra interessante discutere cosa questo significhi in termini di strategie future di azione nella « zona ».

Ma non sono state solo le forze dell’ordine a sembrare sorprese dall’inaspettata rioccupazione: la mancanza di mobilitazione nel periodo preparatorio, la scarsa comunicazione durante l’azione e in seguito hanno reso difficile per molte persone nella lotta contra cigeo la compreensione politica degli eventi. In seguito, abbiamo spesso sentito la critica che le informazioni mancanti davano l’immagine di un evento portato da un gruppo chiuso in cui molte persone non riuscivano a trovarsi. Questo può essere uno dei motivi (a parte la breve durata) per cui il sostegno all’occupazione esterna – che sarebbe stato probabilmente necessario per un’occupazione più lunga – è stato solo marginalmente disponibile. Riteniamo che molte più persone avrebbero potuto partecipare o mostrare solidarietà se l’azione fosse stata comunicata più apertamente. La partecipazione del movimento si è quindi limitata ad alcune foto e testi di solidarietà e ad una macchina dell’ENEDIS bruciata a Ivry-sur-Seine.

Per quanto ne sappiamo, non ci sono stati feriti e le conseguenze in termini di repressione avrebbero potuto essere peggiori: durante l’evacuazione, ci sono stati diversi casi di controlli d’identità e di garde a vue (detenzione di 24 ore in commissariato) da parte della polizia. Non è affatto chiaro ai poliziotti se queste persone partecipavano all’occupazione o se si trovavano solo nelle vicinanze. Tutte le persone arrestate sono state rilasciate poco dopo. Lo stesso giorno, a Bure ha avuto luogo un altro arresto, ma non direttamente collegato all’occupazione: una persona è stata arrestata per inosservanza del controllo giudiziario (interdizione di territorio) e condannata ad almeno 4 mesi di detenzione preventiva in carcere. (2) La persona è stata nel frattempo detenuta nel carcere di Nancy/Maxeville. Non c’è stata (finora) alcuna reazione importante da parte dello Stato a seguito di questa rioccupazione.

Dopo tutto quello che abbiamo appreso in seguito sul carattere dell’azione intrapresa, non è possibile parlare di un’azione da parte di un commando omogeneo. Anche se il ben custodito segreto della pianificazione ha in realtà escluso molte persone, la rioccupazione mostra una reale diversità di tattiche, in cui convivono in egual misura diverse forme di azione. Vediamo ancora questa eterogeneità come una chiave centrale per il successo della nostra resistenza! Non vogliamo quindi considerare la rioccupazione della foresta come un atto isolato. Dietro a tutto questo si cela un’estate turbolenta durante la quale la resistenza contro il progetto del deposito delle scorie nucleari è diventata più decisa sotto molti aspetti. Gli eventi portati avanti da varie componenti hanno dimostrato che la lotta contro cigeo continua a tutti i livelli. Con, tra gli altri, le 33 conferenze che hanno risposto al dibattito pubblico sulla gestione delle scorie nucleari, gli incontri inter-comitati che si sono svolti all’inizio di agosto a Dijon e che si svolgeranno di nuovo a novembre in direzione di Valence, il Festival des Bure’lesques che ha riunito più di 1000 persone a Hévillers, l’inaugurazione della mostra permanente « Trainstopping » alla stazione ferroviaria di Luméville, il raduno femminista-antinucleare che si terrà a Montiers questo fine settimana, la settimana dei cantieri che si terrà alla Maison de la Résistance a Bure alla fine di ottobre.

Il terrore quotidiano dello Stato autoritario comincia a svanire. Non c’è quasi nulla che possano farci che non ci abbiano già fatto. Eppure la nostra lotta continua! Meno spettacolare di prima, ma con più attenzione e consapevolezza delle conseguenze. La repressione ha creato paura, divisione e sfiducia. Probabilmente ci vorrà un po’ di tempo per ripristinare la fiducia perduta in noi stessi e l’uno nell’altro. Ma siamo convinti che se continuiamo su questa strada, saremo in grado di basare i futuri scontri su una base più solida che resisterà alla repressione. Continueremo con i mezzi a nostra disposizione per ostacolare questo progetto costoso, inutile e pericoloso che è il cigeo. Speriamo in una grande partecipazione alla manifestazione « vent de Bure » il 28 settembre a Nancy. Mettiamo insieme la nostra rabbia in strada!

Alcune persone nella « zona », 14 settembre 2019

1 Per « zona » intendiamo i villaggi che circondano il progetto Cigeo.

2 Ulteriori informazioni per supportare Kevin su bureburebure.info/support-a-kevin/

22/01/2020

Et sinon, 3 jours avant
on écrivait ça.

Récit du contre G5 Sahel de Pau, le 13 janvier ...

Photo-logo prise à Paris en 2010   Comme annoncé trois semaines auparavant, le seigneur macron a accueilli le 13 janvier 2020 dans le digne Château d’Henri IV, à Pau, les dirigeants de Maurita...   Lire la suite

Et sinon, le jour même
on a écrit ça.

E a dieci… le-i malfattore-i si precipita...

Da cinque nel giugno 2018, siamo passati a sette in settembre, a otto nell’agosto 2019, a nove in ottobre e a dieci in novembre. Dieci malfattore-i sono state-i incriminate-i e poste-i sotto ...   Lire la suite

22/01/2020