Incendi nelle foreste intorno a Chernobyl

Negli ultimi giorni si sono verificati diversi incendi nelle foreste intorno a Chernobyl, che potrebbero rimettere in sospensione il cesio 137 del disastro nucleare dell’epoca.

Per maggiori informazioni su questo argomento, si prega di fare riferimento al comune del CRIIRAD, che ci permette di scoprire qualcosa in più rispetto ai pochi elementi forniti dai mass media.

Leggi il primo comunicato stampa qui (in francese; si puo tradorre con deepl.com).

 

Qui viene ripubblicato il secondo comunicato del CRIIRAD che segue l’evoluzione di quanto sta accadendo intorno a Chernobyl. La versione originale è disponibile a questo link.

—————–

Ancora nessuna preoccupazione per la Francia, ma la situazione sta peggiorando intorno a Chernobyl

Gli incendi nella zona fortemente contaminata di Polesskoye, situata a circa 50 chilometri a ovest della centrale nucleare di Chernobyl, sono ancora attivi, ma altri focolai si sono sviluppati durante la settimana nel cuore della zona di 30 chilometri. L’incendio nella foresta di Korogodsky si trova quindi a pochi chilometri dal reattore danneggiato (vedi illustrazione sopra).

Oltre alla risospensione nell’atmosfera del cesio-137 accumulato nella biomassa (e probabilmente anche plutonio e stronzio-90), sorgono questioni sulla sicurezza degli impianti nucleari. Il 9 aprile le autorità ucraine hanno dichiarato: « Gli incendi su vasta scala possono minacciare la sicurezza ambientale della regione e gli impianti nella zona di esclusione dove sono stoccati i rifiuti radioattivi, il combustibile nucleare esaurito e la centrale nucleare di Chernobyl » e « A causa del forte fumo, è impossibile determinare con precisione l’area colpita dall’incendio, che, secondo le stime preliminari, può raggiungere i 100 ettari ».

Secondo il DAZV, l’Agenzia di Stato incaricata della Gestione della Zona Proibita, i tassi di dose gamma misurati dai sensori situati nelle zone vicine agli incendi mostrano i livelli di fluttuazione abituali. Tuttavia, la concentrazione di cesio 137 nell’aria nel cuore della zona proibita è elevata. Il valore massimo di 54 microbecquerel per metro cubo pubblicato il 9 aprile da questa agenzia corrisponde ad una misurazione su un sensore che non è necessariamente il più esposto. I valori teorici del cesio-137 calcolati con la modellazione [1] potrebbero superare i 30 Bq/m3 in alcuni punti. L’Agenzia ha indicato il 9 aprile che le dosi ammissibili per i vigili del fuoco non saranno superate, a condizione che indossino una protezione respiratoria.

Come indicato nel nostro precedente comunicato, i pennacchi contaminati si sono prima spostati verso sud, verso la città di Kiev. Secondo la modellazione effettuata dai servizi ucraini, il punto massimo teorico di aumento del cesio-137 in aria era stato stimato a 2 mBq/m3 per l’8 aprile. I campionamenti effettuati a Kiev l’8 aprile dai servizi ucraini hanno mostrato valori compresi tra 5 e 7 mBq/m3 tra le 12:25 e le 16:35. Questi valori sono diverse centinaia di volte superiori al livello di rumore di fondo. Le dosi indotte rimangono effettivamente basse per gli abitanti di Kiev. Ma l’impatto è cumulativo e gli incendi non vengono spenti.

I modelli dei pennacchi contaminati messi in linea dai servizi specializzati ucraini indicano le traiettorie verso il nord dell’Ucraina dal 9 al 10 aprile, poi di nuovo verso Kiev dal 10 all’11 aprile. Qui di seguito sono riprodotti alcuni estratti della modellazione ufficiale (attività del cesio-137 in aria).

Simulazioni di prugna contaminata da cesio-137 (estratti) -Fonte: SSTC

CRIIRAD sta seguendo la situazione da vicino.

In Francia, come previsto, le misurazioni in tempo reale effettuate dai segnalatori di allarme gestiti dal CRIIRAD nella valle del Rodano (ad esempio a Montélimar) non hanno rivelato alcun aumento della radioattività delle polveri atmosferiche. La sonda gamma situata a Ginevra non ha rivelato alcuna anomalia. Il CRIIRAD, tuttavia, ha prelevato questa mattina (10 aprile) un campione di filtro aerosol da uno dei fari per verificare, con una precisione di gran lunga superiore a quella delle misurazioni dal vivo, che la concentrazione di cesio 137 nelle masse d’aria potenzialmente interessate dai primi incendi rimanga molto bassa (come indicato dai modelli).

I risultati saranno messi online martedì su https://balises.criirad.org/.

Redazione: Bruno Chareyron, ingegnere di fisica nucleare, direttore del laboratorio CRIIRAD.

Contatto: bruno.chareyron@criirad.org

[1]    http://dazv.gov.ua/novini-ta-media/vsi-novyny/radiatsijna-situatsiya-v-zoni-vidchuzhennya-v-rajoni-pozhezhi-stanom-na-12-00.html.    Data la scarsa qualità dell’immagine, c’è ancora qualche dubbio sulle unità di misura.

11/05/2020

Et sinon, 2 jours avant
on écrivait ça.

Bure : l’instrumentalisation politique de la ju...

Nous relayons ici une tribune paru sur Reporterre le vendredi 8 mai au sujet de l’association de malfaiteurs. https://reporterre.net/Bure-l-instrumentalisation-politique-de-la-justice-doit-ce...   Lire la suite

Et sinon, le jour même
on a écrit ça.

E nel frattempo all’Andra…

Le misure di confinamento relative al Coronavirus non impediscono ad Andra di continuare ad andare avanti. All’inizio di aprile sono stati osservati dei geologi che hanno effettuato delle mis...   Lire la suite

11/05/2020