LOÏC:  » KEINE POLIZEI, PROBLEMA KEINE « 

Testo originariamente pubblicato sul blog di supporto a Loïc: https://laneigesurhambourg.noblogs.org

Questo giovedì, tutti gli imputati del processo Elbchaussee sono stati invitati a parlare un’ultima volta davanti al tribunale di Amburgo. Queste erano le dichiarazioni finali prima del verdetto previsto per il giorno successivo. Tra i quattro co-imputati che compaiono al fianco di Loïc, solo uno ha voluto parlare, brevemente, ringraziando i suoi parenti per il loro sostegno in questo lungo calvario. Loïc ha poi parlato per circa venti minuti. Come nella sua prima dichiarazione, solo quindici persone sono state autorizzate ad entrare in aula, con il pretesto di limitare i rischi per la salute.

Ecco il testo integrale di questa dichiarazione, letta in francese dal nostro amico e poi tradotta in tedesco dal suo interprete.

 

« NESSUNA POLIZIA, NESSUN PROBLEMA »

Quindi, vengo minacciato di 4 anni e 9 mesi di carcere con un ordine di carcerazione. Di cui 3 anni corrispondono a cose che non sono accusato di aver fatto personalmente, ma di cui sono reso complice.

La maggior parte delle persone non sono fan del G20. Ad Amburgo non si sono svolte manifestazioni a favore del G20, tranne forse quella dei 30.000 agenti di polizia che hanno deciso di vietare tutto il traffico se non si è una macchina della polizia o un veicolo di lusso che trasporta i partecipanti al vertice.

Quando ho postato su Youtube un filmato di 15 minuti sulla violenza della polizia al vertice del G20 di Amburgo, ho visto nella mia ricerca che Olaf Scholz, ex sindaco di Amburgo, aveva detto: « Coloro che hanno commesso atti di violenza non sono né la polizia né gli organizzatori del vertice del G20. Poiché basta una bugia per diventare la verità, non ero al G20 di Amburgo.

Credo che questo processo andrebbe molto più veloce se l’accusa fosse limitata a ciò che ogni individuo è accusato di aver fatto personalmente. Queste nuove nozioni di complicità e di « co-autore », che permettono di accusare tutte le cose che accadono in una manifestazione, sono abusi di potere giudiziario. Una delle richieste dei rivoltosi di Hong Kong è l’eliminazione del termine « rivoltosi » per parlare dei manifestanti, perché consente molti più arresti con accuse minori. La Cina era presente ad Amburgo. Questo lungo processo si basa sulla stessa criminalizzazione delle manifestazioni e sull’uso del riconoscimento facciale. Ci si chiede se la « presa di potere di Pechino » di Hong Kong non abbia posato qualche dito su Amburgo.

Durante una manifestazione, un ufficiale di polizia non è mai stato accusato di una violenza che un altro ufficiale di polizia avrebbe compiuto. In realtà, quasi nessun agente di polizia è mai stato accusato di nulla. Ci sono regole sull’uso della forza, ma quando la polizia non rispetta la propria etica, non c’è processo. E qui mi sto abbassando al livello di condizioni puramente legalistiche. Perché sia che io sia preso a randellate in testa o nelle regole dell’arte di quello che è considerato l’uso legittimo della forza, il mio sentimento di rivolta rimane lo stesso. La mia indignazione non si ferma alla valutazione anatomica della violenza subita.

Max Stirner ha scritto: « Nelle mani dell’individuo, la forza si chiama crimine; nelle mani dello Stato, la forza si chiama diritto ». Credo che quando si usa la forza, essa deve essere messa in discussione in ogni situazione, e soprattutto non deve diventare una norma, un diritto immutabile.

*

Nella situazione del G20 di Amburgo, era legittimo usare la forza per difendere questo vertice? Cosa sarebbe successo se non ci fosse stata la polizia a proteggere il vertice del G20? Ecco il mio punto di vista.

Se il G20 di Amburgo si fosse tenuto senza polizia, le persone che sono venute a manifestare contro il vertice sarebbero andate nel luogo dove si svolgeva l’incontro. Non ci sarebbero stati scontri perché non ci sarebbe stata la polizia. Avremmo visto realizzarsi il vecchio detto della manifestazione: « Niente polizia, nessun problema. » Ogni struttura urbana simbolo del capitalismo sarebbe stata occupata. Le banche sarebbero diventate luoghi di baratto e di donazioni senza denaro. I cartelloni sarebbero stati rimossi, liberando il tempo cerebrale disponibile. In questo contro-vertice, ci saremmo divisi in diverse piccole assemblee o gruppi. Poiché persone provenienti da tutti i continenti erano venute ad Amburgo per protestare, dallo scambio e dalla diversità di opinioni sarebbe emersa un’abbondante ricchezza. Ci si sarebbe chiesto cosa fare con i leader del G20 ufficiale. Alcuni avrebbero voluto rinchiuderli in carcere, ma un gruppo di discussione su « Abolizione delle istituzioni di polizia e carcerarie » si sarebbe opposto. Una persona avrebbe criticato questi utopisti di un mondo senza polizia e senza carceri per aver voluto il caos. Qualcuno li avrebbe risposto: « In carcere, la maggior parte delle persone proviene dalle classi più povere, pochissimi provengono dalla classe media e ancor meno dalle classi più ricche. Ciò dimostra che l’essere in prigione non è il risultato di una scelta individuale, ma delle condizioni sociali e materiali di esistenza. Le soluzioni immaginate e sperimentate variano, ma hanno tutte in comune l’idea di agire per ridurre la violenza e la sofferenza nella società, senza bisogno di coinvolgere le forze dell’ordine. Queste soluzioni affrontano le cause: affrontando la povertà, le cattive condizioni abitative, l’esclusione sociale e il razzismo. »

La prima presa di coscenza sarebbe stata allora realizzare che tutti i popoli che venivano dalle diverse nazioni non volevano l’armamento atomico, che lo stesso desiderio di pace stava emergendo dai cuori dei diversi popoli. Di fronte alla moltitudine di problemi generati dalla centralizzazione del potere, si sarebbe cominciato a muoversi verso la necessità di trasferirsi e di auto-organizzarsi in libere associazioni. Quando Trump si sarebbe avicinato dopo aver aspettato il suo turno per parlare, avrebbe notato che ci eravamo completamente dimenticati di prestare attenzione ai diversi leader del G20 ufficiale. Sarebbe stato poi scritto un breve testo intitolato « Abolizione dei capi e dei tiranni », con l’idea che ognuno dovrebbe diventare il suo proprio maestro, senza obbedire o sottomettersi ad alcuna autorità. Il testo si sarebbe concluso con questa citazione di Anselme Bellegarrigue: « Finora avete creduto che ci fossero dei tiranni? Bene! Vi siete sbagliati, ci sono solo schiavi: dove nessuno obbedisce, nessuno comanda. »

Allora sarebbe successo qualcosa di incredibile. Poiché non avrebbero più avuto un’importanza particolare, questi capi di Stato – che nessuno considerava più tali – sarebbero stati trasformati. Avrebbero perso il potere che gli era stato dato finora.

Trump non sarebbe stato più riconosciuto. Trump avrebbe visto i tratti autoritari del suo volto placarsi e diventare un poeta. Meditando sul confine messicano, avrebbe guardato in faccia la brutta storia dell’appropriazione della terra messicana da parte degli Stati Uniti. In una canzone « Dalle Mura del mio cuore alle Mura del confine », avrebbe chiesto che il muro venisse abbattuto e che la terra tornasse in Messico. Avrebbe anche restituito ampi territori alle ultime comunità amerindi scusandosi per i progetti di oleodotti che lui stesso avrebbe sabotato dopo il G20. Poiché avrebbe lasciato il suo lussuoso aereo a gruppi musicali per organizzare concerti a prezzo gratuito all’interno, avrebbe attraversato l’Atlantico su una grande barca a vela. Il viaggio sarebbe stato fatto in balia del vento. All’arrivo, la sua voce si sarebbe ammorbidita.

Macron avrebbe costruito la sua capanna nel bosco di Wendland, a cento miglia da Amburgo. Ispirato da questo territorio, che si è battuto contro un progetto di interramento delle scorie nucleari, avrebbe deciso di non vedere più gli attivisti di Bure come criminali. Per tutta la vita si è occupato del mondo degli affari, seguendo le lobby. Stanco di agire, questo contro-vertice del G20 lo avrebbe sollevato dal peso del potere. Non più Presidente della Francia, si sarebbe lasciato definire dall’occhio dello scoiattolo. L’espulsione della ZAD di Notre-Dame-des-Landes non avrebbe avuto luogo. Erano, lottando sul terreno, riusciti a salvare una zona umida dal cemento di un aeroporto. La nozione di proprietà non avrebbe più significato nulla per Macron quando venne a sapere che la Vinci – questa multinazionale che vive all zoccolo della società – voleva che gli venisse pagato il prezzo dell’aeroporto che non era stato costruito. L’argomentazione che si era preparato a legittimare l’espulsione non avrebbe più avuto senso per lui. Anzi, perché affermare che si trattava di approfittatori che non pagavano le tasse? Avrebbe già saputo che un solo ricco che pratica l’evasione fiscale è un parassita diecimila volte più pericoloso di quelle poche centinaia di persone che costruiscono una nuova utopia che tende all’autogestione. Anche le diverse zone abitative dei Gilets Jaunes, tornando alla federazione, lo avrebbero profondamente colpito. Nessuno di loro sarebbe stato accecato. Nessuno di loro avrebbe perso le mani. Nessuno sarebbe stato ucciso. Nessuno sarebbe andato in prigione.

La politica non sarebbe più limitata al Parlamento. Il Parlamento sarebbe diventato un luogo di eventi artistici che vanno dai concerti alle rappresentazioni teatrali. Ogni settimana vi si sarebbero tenute conferenze con i sopravvissuti di altre culture e società diverse dalla nostra che ci siamo permessi di sradicare per far progredire. Ci sarebbero anche testimonianze di vita non civilizzata, di micro-società che hanno saputo prendersi cura delle foreste selvagge.

Avremmo poi deciso di abbandonare la civiltà industriale capitalista che stava progredendo verso l’estinzione di tutte le specie, compresa la nostra. Sarebbe diventato ovvio per tutti che non era bello dominare l’intero pianeta e imporre il nostro modello economico distruttivo. Si sarebbe riconosciuto che la libertà di un individuo dipende dalla libertà degli altri. Che una società virtuosa è una società che permette a milioni di altri di esistere. Senza dominare, prendere il controllo, controllare e sterminare tutto. La gente avrebbe così riacquistato il potere sulla propria vita e avrebbe iniziato ad agire a livello locale. Macron avrebbe smesso di parlare. Si travestiva per non farsi riconoscere e ascoltare. Da manipolatore delle masse, sarebbe diventato un contemplatore dell’individuo.

Il presidente Xi Jinping, dopo aver letto L’evoluzione, la rivoluzione e l’ideale anarchico di Elisée Reclus, avrebbe aperto le immense prigioni liberando gli uiguri e tutte le minoranze precedentemente oppresse. Avrebbe abbandonato il riconoscimento facciale. Non ci sarebbe stata alcuna repressione delle manifestazioni a Hong Kong. Hong Kong, come tutte le città della Cina e del mondo, sarebbe diventata autonoma e autogovernata, vedendo la nascita di diversi piccoli quartieri che possono essere o meno federate per libera associazione.

Erdogan, come tutti i capi di Stato, avrebbe perso il suo potere, lasciando alla comunità curda la propria autodeterminazione. Non ci sarebbe stato nessun assalto alla Rojava. E l’ideale del municipalismo libertario dello scrittore Murray Bookchin continuerebbe a infiammare gli animi nella regione e oltre.

La Russia non avrebbe torturato gli anarchici.
La Germania avrebbe smesso di vendere armi.
L’Arabia Saudita avrebbe smesso di bombardare lo Yemen.
Gran Bretagna, Stati Uniti, Russia, Cina e Francia, che sono i cinque maggiori trafficanti d’armi, avrebbero smesso di produrre e vendere armi.
E tante altre cose meravigliose che dimentico o non riesco a immaginare, perché bisogna lasciare alle situazioni rivoluzionarie il compito di far nascere le utopie. Riconoscere che la persona che sei oggi non è buona come la persona che sorgerà domani. E così, lasciandosi alle spalle l’orgoglio conservatore, si cammina passo dopo passo sulla via della perfezione, senza mai fermarsi.

*

La stragrande maggioranza dei cittadini, attraverso il pagamento delle tasse, partecipa allo sviluppo delle fabbriche di armi e all’esistenza della polizia e dell’esercito. Armi da guerra, poliziotti che mutilano, soldati che uccidono. Perché costruire armi, perché venderle, per chi? La Francia fornisce armi all’Arabia Saudita e agli Emirati Arabi Uniti, paesi coinvolti nel conflitto nello Yemen. Con oltre 230.000 morti, questo conflitto è stato descritto dall’ONU come « la peggiore catastrofe umanitaria del mondo ». Senza voler classificare le sofferenze, credo che le Nazioni Unite si sbagliano. C’è un disastro umanitario più grave che si sta verificando nella RDC Congo da decenni con il traffico di armi e lo sfruttamento dei minerali. Negli ultimi 20 anni, si stima che siano state uccise da 6 a 10 milioni di persone. Secondo Amnesty International, 40.000 bambini lavorano più di 10 ore al giorno per estrarre il cobalto, che viene utilizzato in aziende come Microsoft, Apple o Samsung. Queste multinazionali dovrebbero essere accusate di complicità in un genocidio. Ci sono più prove che in questo processo.

Ecco una citazione dal libro Pédagogie et révolution di Grégory Chambat:

« L’obiettivo del ‘Museo del Lavoro’ è quello di mostrare la storia e l’organizzazione del lavoro, dall’estrazione delle materie prime alla vendita dei prodotti finiti, con i dati di produzione, il prezzo di costo e il valore del plusvalore derivante dallo sfruttamento della manodopera per sostenerlo ». Il risultato sarebbe al di là di ogni dubbio: « Queste lezioni silenziose non saranno più eloquenti del vano clamore rivoluzionario a cui gli oratori di estaminet stanno esaurendo il loro potere? …] Immaginiamo l’effetto di una tale lezione, l’intensità dell’agitazione, la straordinaria crisi che determinerebbe allo stesso tempo in tutti i lavoratori, la convinzione che il male sociale è lo stesso ovunque. » »

Il problema dei grandi movimenti politici è che c’è sempre questo pensiero di raggiungere il maggior numero possibile di persone, di raggiungere le masse. Le persone iniziano a pensare in modo strategico prima di ascoltare il loro cuore. Le loro parole sono vuote e non fanno più vibrare nessuno. Bisogna parlare con i singoli, non con le masse. La massa non esiste, non dovrebbe esistere. Sono preoccupato che la politica verde istituzionalista stia guadagnando terreno facendo sempre più compromessi, proponendo transizioni energetiche che non sono altro che il capitalismo verde. Guardiamo all’origine di ogni oggetto, alla sua costruzione, a quali condizioni.

I pannelli solari sono costruiti sfruttando le risorse e gli esseri umani in Africa. L’assemblaggio passa attraverso la Cina e altre fabbriche asiatiche con condizioni deplorevoli. Sono sempre più materiali inquinanti e l’edilizia – perché è un’impresa – è vittima dell’obsolescenza programmata imposta dal nostro sistema economico. Gli stessi problemi riguardano le batterie elettriche e le turbine eoliche industriali. Il documentario « Pianeta degli umani », anche se può essere criticato, ci permette di approfondire questo argomento troppo spesso ignorato.

Non ci può essere ecologia con il capitalismo.
Non ci può essere una riforma del capitalismo.

Possiamo decidere ora di costruire moltitudini di utopie sulle rovine del sistema economico morente. Dobbiamo essere efficienti e quindi ostacolare la folle corsa con i nostri corpi e le nostre azioni.
Facciamo in modo di avere un impatto laddove si stabiliscono progetti distruttivi.
Dove le multinazionali stanno distruggendo le foreste.
Dove i progetti nucleari compromettono le generazioni future per millenni.
Dove i potenti di questo mondo si incontrano.
Il radicalismo delle nostre azioni deve essere commisurato al disastro.

Per concludere: ogni persona che si ritira in un universo spirituale per confortare e rassicurare se stessa, partecipa a lasciare che la distruzione della « creazione » abbia luogo. Una distruzione orchestrata dalla nostra civiltà capitalista industriale. Una civiltà come una volta esisteva, e ce ne possono essere milioni (così come altre forme di società non civilizzata). Attualmente ci troviamo nella situazione peggiore, perché compromette la possibilità per tutti gli altri e per se stessa di esistere. Immaginiamo per un momento che esista davvero un « Dio », che questo Dio ci abbia messo sulla terra e non direttamente in cielo, lasciandoci la scelta di seguirlo o meno. La prima delle missioni – qualunque sia il vostro credo – sarebbe quella di lottare per la continuazione di questa libertà, di questa creazione.

Sono felice, perché ho potuto dire ciò che avevo nel cuore senza limitarmi per paura della sentanza o per i consigli strategici dei miei avvocati. Sono orgoglioso di aver partecipato alle proteste contro il G20, un vertice che ha riunito i più grandi trafficanti d’armi del mondo. Nulla è ancora perduto, ogni momento è da salvare.

Due citazioni per concludere. Uno di Henri David Thoreau:
« Così, tutte le disgrazie non sono che un trampolino di lancio verso la felicità. »

E un altro, da Nelson Mandela, sulla prigione:
« Un uomo che priva un altro uomo della sua libertà è prigioniero dell’odio, del pregiudizio e della ristrettezza di spirito. »

Grazie.

Loïc, Amburgo, 9 luglio 2020.

Il verdetto di questo interminabile processo è atteso venerdì mattina 10 luglio.

25/07/2020

Et sinon, 14 jours avant
on écrivait ça.

loic patate

Loïc condamné à 3 ans, reste libre pour le moment

Texte publié originellement sur le blog de soutien à Loïc: https://laneigesurhambourg.noblogs.org   Le verdict est enfin tombé ce vendredi matin dans le procès de l’Elbchaussee. La cour ...   Lire la suite

Et sinon, le jour même
on a écrit ça.

Quando lo spirito del mago viene pagato per fare la propaganda dell’ Andra

Quando lo spirito del mago viene pagato per far...

Nell  nucleare, tutto si financia. I poliziotti, i mass media, youtubistx, la popolazione. La parola corruzione non esiste in Francia, si parla di partenariati, e Andra si difende sempre che questi...   Lire la suite

25/07/2020