I criminali sono gli investigatori – libertà per le/gli imputat* di Bure!

Di seguito la traduzione di un articolo pubblicato da sostenitor* di lingua tedesca e trovato su Indymedia Nantes (nantes.indymedia.org/articles/55870) [in francese].


All’inizio di giugno, sette attivist* antinuclear* saranno processat* a Bar-le-Duc (55) per « associazione sovversiva », partecipazione a raduni violenti e possesso di « esplosivi ». Una mobilitazione per accompagnare il processo – e renderlo quello del progetto CIGEO – è in corso. Numerose azioni creative e raduni critici sono previsti nella città alta.

CIGEO ci riguarda tutt*

A Bure, a meno di 200 chilometri dalla frontiera tedesca, svizzera e lussemburghese, a metà strada tra Basilea e Parigi, l’industria nucleare francese sta progettando l’interramento « definitivo » di decine di migliaia di metri cubi di rifiuti radioattivi in una grande buca profonda 500 metri.

Nonostante una resistenza tangibile fin dall’inizio del progetto, ogni partecipazione democratica diventa una farsa, la protesta feroce viene ignorata e molto denaro viene usato per comprare le coscienze. Dal 2015 in poi sono seguite azioni sempre più radicali, che hanno portato a una spettacolare sorveglianza e repressione della polizia contro le/gli attivist* antinuclear*. La prevista discarica investita dalle/dagli oppositor* è stata sfrattata il 22 febbraio 2018 dopo un anno e mezzo di occupazione.

Dopo numerose perquisizioni, divieti di recarsi sul posto, pene detentive, divieti di contatto e di lasciare il paese, un’indagine che nel frattempo aveva preso di mira dodici persone è stata completata nel dicembre 2020. All’inizio di giugno, sette imputat* dovranno comparire in tribunale. 15.000 pagine di dossier e decine di migliaia di ore di intercettazioni dovrebbero provare le loro tendenze criminali e minacciare le/i nostr* compagn* di ulteriori sanzioni.

Noi contro lo stato nucleare

L’uso dell’energia nucleare e la resistenza contro lo smaltimento delle scorie è stata una questione centrale per la sinistra radicale tedesca per decenni. Il cosiddetto  » abbandono del nucleare  » ha portato ad un indebolimento della resistenza da dieci anni a questa parte – a torto. Perché la Germania continua a produrre combustibile, è attivamente coinvolta nello sviluppo degli EPR, porta la convenzione Euratom e vuole anche « liberarsi » dei suoi 30.000 m³ di HLW in un grande buco.

Le lotte passate di Brokdorf, Kalkar, Grohnde, Wackersdorf e Gorleben non devono essere cancellate dalla nostra memoria politica. Per decenni, questi scontri hanno plasmato la storia della politica ambientale tedesca. Il fallimento di Gorleben come discarica nell’autunno del 2020 dovrebbe rafforzare questa resistenza: la pluralità del movimento è riuscita a impedire questo progetto pazzesco dopo 43 anni.

Ma oggi i trasporti continuano ad attraversare il paese. L’industria tedesca produce intensamente e sostiene il potere politico con tutto il necessario per la persistenza globale di questa tecnologia mortale. Siamo arrivat* a un punto in cui l’energia nucleare, estratta con il carbone e trasportata con locomotive e navi diesel dalle ex colonie, viene discussa come un’opzione per contrastare il cambiamento climatico. Ma il nucleare rimane l’espressione di una catena economica antisociale, distruttiva per l’ambiente, coloniale e mortale, senza un vero piano per i rischi a lungo termine.

Non potremo mai dimenticare le potenti proteste nelle Wendlandes, lungo i cancelli e sulle rotaie, e dobbiamo fare tutto il possibile per rimanere una spina nel fianco dell’industria nucleare. L’ingannevole eliminazione del nucleare, i prossimi trasporti e soprattutto la ricerca di una nuova discarica per la Germania nel prossimo decennio, così come i siti nei paesi vicini, dovranno continuare a mobilitarci.

Lo Stato ci prende di mira tutt*

Poco più di dieci anni fa, gli investigatori erano sulle tracce delle/dei compagn* di Tarnac. L’indagine che inizialmente si concentrava sulla formazione di un gruppo « terrorista » è svanita dopo un decennio. Eppure il controllo e la repressione hanno funzionato. La solidarietà internazionale era presente durante questi procedimenti e viene invocata di nuovo oggi. Ma questa scandalosa criminalizzazione è lungi dall’essere limitata alla minaccia del movimento antinucleare.

L' »associazione sovversiva » può essere intesa come uno strumento dello Stato autoritario che, disegnando l’immagine di un nemico di sinistra all’interno, abusa ed estende la legge all’infinito.Così queste indagini servono soprattutto a intimidire e a poter controllare, come hanno dimostrato i procedimenti contro il [mg] (Militante Gruppe/ gruppo antimilitarista) e le recenti indagini in Germania. Il controllo giudiziario, come quello dei procedimenti contro le/gli attivist* di Bure, anticipa i possibili giudizi con pene preventive.

In tutta Europa possiamo osservare l’uso di questo strumento contro le/gli attivist*, che agli occhi delle autorità dovrebbero pagare per la nostra legittima resistenza. Recentemente, nuove perquisizioni e arresti sono stati effettuati, sia all’indomani del G20 di Amburgo o di necessari interventi antifascisti: il §129 è usato in modo inflazionato e mira a spezzare la resistenza contro il sistema capitalista e le tendenze autoritarie dei governi e le minacce della destra radicale.

Ma non ci lasciamo intimidire e dichiariamo la lotta contro lo stato borghese e la sua giustizia. Sia nel mondo virtuale che nelle strade. Sia contro i nazisti, gli organi repressivi o la mafia industriale: siamo solidali con le/i nostr* complici e non saremo divis*. La lotta a Bure chiede di sostenere le/i compagn* accusat* invece di tutt* noi.

Per lo smantellamento di tutti gli impianti nucleari del mondo!

Per l’abbandono dei processi di Bure!

Siamo tutt* « criminali » – siamo tutti § 129!

Wir sind alle LinX – Campagna contro la criminalizzazione dell’antifascismo (WSAL), Anti-Authoritäre Anti-Atomkraft-Allianz in spontaner Zusammensetzung / Alleanza antinucleare in composizione spontanea (A5isZ), Meßstelle für Arbeits- und Umweltschutz – Bremen / gruppo di ricerca per la protezione ecologica e del lavoro (MAUS), Systemopositionelle Atomkraft Nein Danke, gruppo antinucleare (SAND), Anarchist-Black-Cross (ABC) Suedwest, Autonomes Zentrum KTS Freiburg, Redazione della rivista ‘anti atom-aktuell’ (aaa), Ermittlungsausschuss / legal team Amburgo, Dannenröder Wald – Keine A49, Plenum Rote Flora / Centro autonomo di Amburgo, Anti-Knast Gruppe / Freiburg Anti-Prigione Gruppe, Criminals for Freedom C4F, 129a-Solikreis / gruppo di sostegno contro l’indagine antiterrorismo Francoforte, LU15, progetto di abitazione Tübingen, Rote Hilfe e. V. / Associazione federale antirepressione

19/05/2021

Et sinon, 5 jours avant
on écrivait ça.

#123 INFOS PRATIQUES & NEWS !

[infos également disponible sur le site noussommestousdesmalfaiteurs.noblogs.org] …J – 17 ! Cela peut paraître loin ? Pour autant… On y est bientôt ! Au sommaire de cette première...   Lire la suite

123procès

14/05/2021

Et sinon, le jour même
on a écrit ça.

Les malfaiteurs ce sont les enquêteurs – libert...

Nous republions ci-dessous un tribune publiée par des soutiens germanophones et trouvée sur Indymedia Nantes (nantes.indymedia.org/articles/55870). Début juin aura lieu à Bar-le-Duc (55) l‘audience...   Lire la suite