[opuscolo] Tra mafia e colonialismo : il peso del nucleare italiano

Raccolta di testi sulle scorie nucleari in Italia

Mentre l’Italia sta attualmente cercando di imporre un sito di interramento per i suoi rifiuti nucleari (in applicazione della direttiva europea del 2011 sulla gestione dei rifiuti radioattivi e del combustibile esaurito), abbiamo pensato che fosse importante fornire alcune informazioni sul contesto della « gestione dei rifiuti nucleari » in Italia. Infatti, l’Italia è uscita dalla produzione nucleare, tramite referendum, nel 1987 (un anno e mezzo dopo Chernobyl) ma il settore dell’energia nucleare civile non si è veramente fermato, a causa del traffico delle sue scorie ancora in corso. Non esiste ancora una soluzione globale per la gestione sicura delle scorie radioattive. Affrontare le conseguenze dell’uso dell’energia nucleare è un grande peso e una sfida non solo ora, ma anche per le generazioni future.

Mentre l’Italia è il secondo più grande importatore di elettricità nel mondo, il governo di Silvio Berlusconi ha annunciato un ritorno al nucleare nel marzo 2008. Un accordo è stato firmato nel 2009 da Berlusconi e Sarkozy per creare una società detenuta per metà da EDF e Enel (la controparte italiana di EDF, che è stata privatizzata nel 1999). L’obiettivo era di costruire almeno quattro reattori di tipo EPR. Dopo Fukushima, e un nuovo referendum, si è finalmente deciso di non rilanciare l’industria nucleare in Italia (testo 3).

L’Italia è di nuovo gravata dalle scorie nucleari prodotte dal 1966 al 1987, dopo aver riacceso i movimenti antinucleari nel 2003 quando ha cercato di seppellirle a Scanzano, in Basilicata. La feroce opposizione della popolazione locale e il risorgente movimento antinucleare fecero deragliare il progetto (testi 1 e 2). Il problema è stato tranquillamente rimandato al futuro.

Ora – sotto la pressione dell’UE – l’Italia si trova di nuovo di fronte al problema delle scorie nucleari. All’inizio del 2021, la Sogin (l’agenzia che gestisce le centrali spente e i rifiuti nucleari) ha pubblicato una lista di aree in Italia che considera adatte allo stoccaggio nazionale dei rifiuti radioattivi. Non a caso, sembra che nessuno voglia questo centro di stoccaggio (testo 1).

In questo contesto, l’attuale gestione delle scorie nucleari è ampiamente contestata dai media. In particolare, si denuncia che i rifiuti fanno parte di un traffico illegale e internazionale. In effetti, per decenni, lo smaltimento di rifiuti tossici e radioattivi nel Mediterraneo e il loro trasferimento nei paesi africani, in particolare in Somalia, è diventato un’attività commerciale, anche se illegale e segreta (testi 4, 5 e 6). Così, lo stato italiano ha collaborato a lungo con la mafia per liberarsi del problema delle scorie nucleari.

Questa raccolta di testi è stata originariamente pubblicata nella rivista antinucleare tedesca Anti Atom Aktuell, nel numero di febbraio 2021 (n°291). Un grande ringraziamento alle gente della rivista per il lavoro investigativo svolto e la loro volontà di mantenere la dimensione internazionale nelle lotte antinucleari. Continuiamo a collegare le lotte attraverso i confini statali e linguistici!

Abbasso il nucleare, abbasso le frontiere!

 

Riassunto :

– Introduzione p. 2
– È stato pubblicato l’elenco dei potenziali siti di deposito centrale. Dove sarà il deposito che nessuno vuole ? p. 4
– Resistenza vittoriosa alla discarica nucleare di Scalzano Jonico (2003) p. 8
– Progetti nucleari e gestione delle scorie nucleari p. 11
– Commercio con l’Africa : rifiuti tossici e nucleari in cambio di armi e denaro p. 15
– Rifiuti tossici nel Mediterraneo : occhio non vede, cuore non duole p. 16
– La ricerca investigativa in Somalia è costata loro la vita nel 1994 : Ilaria Alpi e Miran Hrovatin p. 19

Formato pagina per paginaFormato opuscolo

30/05/2021

Et sinon, la veille
on écrivait ça.

Nancy : Incendie d’antennes-relais, 4 ans dont ...

Publié le 2021/05/29 par Anarchist Bure Cross Indymedia Nantes / mercredi 19 mai 2021 Incarcéré depuis sa mise en examen le 24 septembre 2020 pour l’incendie de deux antennes relais dans le Jura du...   Lire la suite

Et sinon, le jour même
on a écrit ça.

[opuscolo] Tra mafia e colonialismo : il peso d...

Raccolta di testi sulle scorie nucleari in Italia Mentre l’Italia sta attualmente cercando di imporre un sito di interramento per i suoi rifiuti nucleari (in applicazione della direttiva euro...   Lire la suite

30/05/2021