TRENO CASTOR – INVITO AD UNIRSI ALLE AZIONI IN GERMANIA

Dalla Meuse e dall’Haute Marne, invitiamo a partecipare alle azioni previste in Germania contro il prossimo passaggio di un treno Castor che trasporta rifiuti « in pensione ». Organizziamoci, prepariamo il prossimo passo!

In Germania, il 2020 sembra un ritorno al passato. Nelle ultime settimane, compagn* antinuclear* hanno esaminato le autorizzazioni di passaggio mentre la polizei ha lavorato intorno alle ferrovie, simulando false azioni di blocco contro i falsi convogli di scorie radioattive. I Castor sono di nuovo sulla bocca di tutti, e sono passati quasi 10 anni da quando abbiamo visto un tale disordine. Proprio dal 2011 e dall’ultimo trasporto di rifiuti al deposito di Gorleben. Quell’anno, all’indomani dell’incidente di Fukushima, il governo di Angela Merkel annuncia frettolosamente il suo ritiro dal nucleare e congela il trasporto delle scorie. A partire dagli anni Novanta, questi hanno sistematicamente affrontato mobilitazioni massicce, blocchi e altri sabotaggi. Oltre ad essere pericolosi, sono diventati troppo costosi e ingestibili.

Tuttavia, questi dieci anni di relativa tregua stanno volgendo al termine. I rifiuti tedeschi devono ora tornare in Germania. È stato rielaborato in Francia (La Hague) o nel Regno Unito (Sellafield) dove potrebbe essere conservato per dieci anni, periodo che sta per scadere. Sono state quindi annunciate quattro spedizioni per i prossimi anni. Questi convogli rimettono in discussione lo scopo di queste scorie e quello dell’energia nucleare nel suo complesso. Le ultime centrali tedesche (sei reattori ancora in funzione) dovrebbero cessare l’alimentazione della rete nel 2022, ma questa scadenza potrebbe benissimo essere posticipata. I discorsi che associano l’energia nucleare alla lotta contro il cambiamento climatico spingono sempre più in questa direzione.

les fameux trains Castors
i famosi treni Castor

Cosa c’è dopo? L’interruzione della produzione di energia nucleare non risolverà il problema delle scorie finali. Conosciamo perfettamente l’equazione: conservarla implica una sorveglianza impossibile per migliaia di anni; seppellirla significa rinunciare a questa sorveglianza e sacrificare un territorio per sempre. La Germania si trova nell punto morto di tutti i Paesi nuclearizzati: il ciclo industriale dell’atomo non si è mai concluso e nessuno sa cosa fare delle migliaia di tonnellate di scorie ultra-tossiche che produce inesorabilmente. Mentre non è stato convalidato alcun sito di stoccaggio a lungo termine, in Germania come altrove, i nucleocratti giocano a fare l’apprendista stregone.

QUAL È LA SITUAZIONE IN FRANCIA?

In Francia la situazione è ovviamente diversa. I 57 reattori in funzione comportano una moltitudine di trasporti radioattivi. Ogni giorno circa, il territorio è attraversato da convogli, su strade o ferrovie, più o meno contaminato, che si tratti di combustibile, uranio o scorie di vario tipo. Tutto questo avviene nella massima segretezza. Nessuno viene tenuto nel giro. Né gli abitanti lungo i percorsi, né gli altri utenti delle strade o delle linee ferroviarie, né i lavoratori della SNCF che non sono direttamente interessati da questi trasporti. I più pericolosi sono quelli che trasportano il combustibile esaurito dalle centrali elettriche che punteggiano la mappa della Francia fino alla centrale di La Hague (Manche). Tuttavia, nessuna di esse è così pericolosa come le quattro spedizioni che tenteranno di raggiungere la Germania nei prossimi mesi. Poiché la Francia non ha ancora un sito di smaltimento finale per le scorie altamente radioattive (quelle destinate a Cigéo a Bure), le scorie non lasciano mai La Hague. Tuttavia, è proprio dopo il loro « ritrattamento » che sono i più pericolosi, essendo la radioattività estremamente concentrata nelle confezioni vetrificate che escono dall’impianto.

Nei decenni a venire, con lo smantellamento delle vecchie centrali elettriche e il previsto avvio del progetto Cigéo, la Francia – e in particolare le regioni che si estendono dal Cotentin alla Meuse – sarà continuamente attraversata da questi convogli di rifiuti estremamente tossici. Ogni convoglio rappresenterà altrettanti rischi di contaminazione massiccia. Quello che sta succedendo in Germania è un presagio di ciò che potrebbe accadere – in particolare nella Meuse – se Cigéo andrà mai oltre la fase del progetto o del « laboratorio ».

IL TRENO NON PASSA PER LA FRANCIA, ANDREMO IN GERMANIA!

« Non è ancora finita », comunicazione degli antinuclei tedeschi.

Per questo motivo, dalla Meuse e dall’Haute Marne, ci sentiamo molto preoccupati da questi trasporti. Il primo di essi partirà dall’impianto di ritrattamento di Sellafield (Regno Unito) per il sito di stoccaggio temporaneo di Biblis. Questo trasporto ha ricevuto il permesso la settimana scorsa. Si svolge tra il 1° gennaio e il 31 dicembre ma abbiamo buone ragioni di credere che il convoglio procederà rapidamente, probabilmente entro le prossime settimane. Sorprendentemente, sembra che le autorità tedesche abbiano scelto di utilizzare una via marittima e non di attraversare la metà settentrionale della Francia come in passato. La nave dovrebbe quindi portare il suo carico al porto di Nordenham da dove gli undici container (massimo) partiranno poi su strada o su rotaia verso la loro destinazione.

I compagni tedeschi stanno preparando diverse azioni su questo percorso. In particolare, sappiamo che un’azione di massa, annunciata pubblicamente e perfettamente raggiungibile, dovrebbe avvenire in prossimità dell’arrivo del convoglio. Questa azione portata avanti da molti collettivi avrà lo scopo di rallentare e dare visibilità mediatica a questo trasporto, alla maniera delle azioni di Ende Gelande degli ultimi anni contro le miniere di carbone a cielo aperto.

Da Bure, invitiamo a partecipare e sostenere queste azioni il più possibile. Speriamo anche che questi momenti ci permettano di incontrare e rafforzare i legami tra i diversi collettivi antinucleari da una parte e del altra parte del Rhin e tra gruppi con sede in diverse regioni della Francia. L’anno prossimo, un altro convoglio andrà da La Hague a Philipsburg. Crediamo che questa sia una carta da giocare per il nostro movimento di opposizione in un momento in cui l’industria nucleare francese, più moribonda che mai, sta cercando di salvarsi imponendo la costruzione di nuovi EPR e l’estensione dei suoi vecchi reattori, in un momento in cui il progetto Cigéo sta cercando di ottenere i permessi di costruzione. L’azione di quest’anno in Germania, se avrà successo, potrà servire come base per riappropriarsi anche qui dell’energia nucleare e del suo mondo.

La buona gestione dei trasporti è al centro dell’attività nucleare, mettiamoci sulla loro strada!

Per conoscere i trasporti futuri :

beaver-stoppen.de (sito in tedesco, utilizzare ad esempio deepl.com per tradurre)
bureburebure.info

11/03/2020

Et sinon, la veille
on écrivait ça.

Au bois Lejuc, pas de fagots pour les anti-Cigéo

Article publié à l’origine sur reporterre.net le 10 mars 2020.   « On nous laisse des miettes. » Certaines familles ne peuvent plus couper du bois dans le bois Lejuc, propriété de l’Andr...   Lire la suite

Et sinon, le jour même
on a écrit ça.

20-26 aprile: settimana antinucleare a Bure

Dal 20 al 26 aprile, una settimana sulla storia e le pratiche delle lotte antinucleari ci sarà alla Casa della Resistenza di Bure. 7 giorni di discussioni, workshop, conferenze e scambi sulla stori...   Lire la suite

11/03/2020