Trentaquattro anni dopo il disastro di Chernobyl…

34 anni dopo il disastro di Chernobyl e nel bel mezzo di una crisi sanitaria, l’energia nucleare è una minaccia permanente.

Quest’anno gli attivisti antinucleari non saranno in piazza per mettere in discussione il disastro iniziato il 26 aprile 1986 quando, a seguito di un fallimento umano, l’esplosione del reattore n. 4 della centrale nucleare ha portato alla contaminazione di gran parte dell’Europa e a innumerevoli vittime. Dall’inizio di aprile 2020, gli incendi hanno minacciato l’intera regione, avvicinandosi il più possibile alla centrale.

 

Proprio in questo momento nel nostro Paese, i lavoratori del nucleare denunciano la situazione allarmante che prevale negli impianti nucleari, soprattutto per il personale in subappalto. Al momento del contenimento, il personale è stato ridotto al minimo e molti lavori in corso sono stati gravemente interrotti. Non è sempre possibile applicare misure di barriera (quando si passa attraverso spogliatoi e portali di sicurezza, ecc.) Nel Tricastin, la sala di controllo del reattore, che normalmente ospita una decina di persone, è stata trasformata in una « zona santuario bianco » con solo tre persone, il minimo richiesto.

 

Possiamo anche solo immaginare un incidente nucleare nel contesto attuale?

La gestione della crisi legata a Covid19 ci mostra il peregrinare del governo, le informazioni parziali e contraddittorie, anche fuorvianti. Un governo che ordina più velocemente armi di repressione interna rispetto a maschere e test (acquisto il 3 marzo di granate lacrimogene per oltre 3,6 milioni di euro)! L’assenza di maschere, con una gestione catastrofica degli ordini, esce allo scoperto. Come potrebbe agire un tale governo in caso di incidente nucleare? Avendo perso completamente la fiducia della gente, la sua risposta non poteva che essere la polizia!

 

La lezione degli incendi intorno a Chernobyl: un incidente nucleare è sempre fuori controllo!

E a volte sono le persone e i lavoratori a pagare il prezzo più alto.

Oggi, 34 anni dopo l’esplosione del reattore, terribili incendi (dal 3 aprile) stanno devastando la regione e si sono avvicinati pericolosamente alla centrale, minacciando il sarcofago e i rifiuti immagazzinati. Tutta la vegetazione bruciata nel percorso dell’incendio rappresenta un notevole rischio di contaminazione, rilasciando nell’atmosfera molti elementi radioattivi, in particolare il cesio 137, ma anche lo stronzio 90, il plutonio… Tutte queste particelle sono depositate dai venti, diffondendo la contaminazione.

I vigili del fuoco che combattono questi incendi rischiano l’irradiazione (esterna) e la contaminazione (interna), così come le popolazioni che vivono nelle vicinanze, una popolazione molto povera già in pessime condizioni di salute, a causa della contaminazione cronica da cibo. Questo nuovo drammatico episodio si aggiunge all’enorme tributo di questo disastro, che l’Accademia delle Scienze di New York ha stimato in un milione di morti tra il 1986 e il 2004.

All’epoca, erano stati inviati tra 500.000 e un milione di « liquidatori » per mettere in sicurezza l’impianto e distruggere i villaggi contaminati. La maggior parte di loro perirà. Migliaia di persone soffrono ancora le conseguenze sanitarie e genetiche delle radiazioni. I danni alle generazioni future sono incalcolabili.

 

– L’incendio in corso intorno a Chernobyl ci ricorda che un incidente nucleare non finisce mai!

– La crisi sanitaria che colpisce il mondo intero ci ricorda che la nostra salute e quella dei nostri cari è la nostra più grande risorsa.

– Questi due eventi ci mostrano che sono sempre i più poveri a soffrire il pedaggio più pesante e che i cambiamenti profondi nella società sono più che mai indispensabili.

 

Nelle lotte che ci attendono, saremo lì per ricordare alla gente che vogliamo un mondo libero dal nucleare. Parteciperemo anche alle mobilitazioni per salvare il clima e cambiare questo sistema che da troppo tempo sta degradando il nostro pianeta (inquinamento, deforestazione, sovrapproduzione, trasporti…) ed è responsabile della grave situazione che stiamo affrontando oggi.

Appena possibile, scenderemo in strada per dire forte e chiaro:

Niente energia nucleare, niente effetto serra. Salviamo il clima. Cambiamo il sistema!

 

Articolo originale sul sito di disattivazione nucleare 34: https://www.arretdunucleaire34.org/Communiques-d-Adn-34

11/05/2020

Et sinon, 2 jours avant
on écrivait ça.

Bure : l’instrumentalisation politique de la ju...

Nous relayons ici une tribune paru sur Reporterre le vendredi 8 mai au sujet de l’association de malfaiteurs. https://reporterre.net/Bure-l-instrumentalisation-politique-de-la-justice-doit-ce...   Lire la suite

Et sinon, le jour même
on a écrit ça.

E nel frattempo all’Andra…

Le misure di confinamento relative al Coronavirus non impediscono ad Andra di continuare ad andare avanti. All’inizio di aprile sono stati osservati dei geologi che hanno effettuato delle mis...   Lire la suite

11/05/2020